Box26.ch
Guanyu Zhou

II trio della Renault Sport Academy si gode il test in Bahrain

Christian Lundgaard, Oscar Piastri e Guanyu Zhou della Renault Sport Academy hanno partecipato al Bahrain International Circuit la scorsa settimana, quando il trio ha girato al volante della Renault R.S.18 Formula 1 nell’ambito del loro programma di sviluppo per giovani piloti.

Per Oscar, il Campione FIA di Formula 3 in carica, questo è stato il suo primo assaggio del volante di una vettura di Formula 1. Christian ha già sperimentato la monoposto E20 con motore V8 e l’R.S.17 mentre Zhou aveva già testato l’R.S.17  l’anno scorso e l’R.S.18 in diverse occasioni già nel 2020 nell’ambito del suo esteso ruolo di Test Driver con il Renault DP World F1 Team.

Christian Lundgaard
Renault – Christian Lundgaard

Tutti e tre i piloti hanno svolto un intenso programma incentrato sulla costruzione di una moderna vettura di Formula 1, equipaggiata con pneumatici Pirelli e con il propulsore V6 Turbo Hybrid Renault E-Tech, che li ha portati ad essere  mettersi in competizione per un posto in gara nel prossimo futuro.
Il pilota di Formula 2 Christian è stato il primo a guidare la Formula 1, giovedì 29 ottobre a Sakhir, con Oscar al volante il giorno successivo e Zhou domenica 1 novembre e lunedì 2 novembre.
Christian ha corso un’intera giornata di gara, accumulando 101 giri intorno al circuito di 5,412 km. Ha iniziato una corsa sostenuta e poi una serie di simulazioni di qualifica, prima di concludere la sua giornata di lavoro con le corse. L’attenzione di Christian è ora focalizzata sulla doppia prova finale della stagione del Campionato FIA di Formula 2 in Bahrain alla fine di questo mese.

Oscar Piastri
Oscar Piastri (Media RenaulT)

Il debutto di Oscar in Formula 1 ha visto l’australiano completare 82 giri. Oscar ha provato in più fasi con diversi carichi di carburante e ha testato la gamma di mescole di pneumatici Pirelli.

In qualità di Test Driver della squadra, Zhou ha completato due giorni con la R.S.18. Il primo giorno, tuttavia, è stato tutt’altro che semplice, per una serie di problemi che ne hanno limitato le prove. Nel secondo giorno, Zhou ha vissuto una giornata impegnativa per recuperare la il tempo perso. Dopo alcuni giri iniziali per valutare l’assetto della vettura, Zhou ha pilotato la vettura a basso consumo di carburante, prima di concludere la giornata con un po’ di giri in assetto da gara.

Guanyu Zhou
Guanyu Zhou (Media Renault)

Christian Lundgaard: “E’ stato bello tornare su una vettura di Formula 1. Non sono mai stato sul circuito del Bahrain, quindi saltare su una vettura di Formula 1 su un circuito che non ho mai guidato ha portato una bella sfida. Credo che tutto mi sia venuto in mente in fretta e mi sono sentito subito a mio agio al primo giro. Abbiamo avuto un paio di problemi, ma fa tutto parte dei test, e poi abbiamo continuato con il nostro programma. Lo scopo di questo processo è quello di imparare il più possibile. Sono grato per l’opportunità e mi sono certamente goduto ogni secondo. Sono molto contento, abbiamo fatto un buon rodaggio e sono abbastanza fiducioso per la gara di Formula 2 che si terrà tra qualche settimana. Non vedo l’ora”.

Oscar Piastri: “Mi è piaciuta molto l’esperienza della R.S.18. Era la mia prima volta su una vettura di Formula 1, quindi è stata molto emozionante se non un po’ snervante allo stesso tempo! Una volta fatto il giro di installazione, tutti i nervi sono andati via, e mi sono concentrato sul divertimento e sulla guida veloce. E’ stata un’esperienza davvero piacevole e ho sentito che il ritmo era abbastanza buono. Mi sono abituato alla macchina abbastanza velocemente e ho sicuramente imparato molto. Non vedo l’ora di fare la prossima esperienza, quindi grazie alla Renault, sia all’Academy che al team di Formula 1, per l’opportunità. Mi sento molto fortunato, perché non tutti riescono a farlo e non è una cosa che si fa tutti i giorni”.

Guanyu Zhou: “E’ sempre un privilegio guidare una vettura di Formula 1, quindi fare questo test di due giorni in Bahrain con la Renault R.S.18 è stato davvero vantaggioso. La prima giornata è stata complicata da alcuni problemi e non siamo riusciti ad ottenere una corsa completa. Il secondo giorno è stato molto migliore, e siamo riusciti a portare a termine il nostro programma e le cose che dovevamo fare. C’erano molti dati da raccogliere, abbiamo fatto delle corse e delle qualifiche. Ogni volta che sono in macchina, mi sono messo subito al passo e mi sono sentito abbastanza a mio agio. E’ una sfida prendere confidenza con tutte le impostazioni, ma è anche un’esperienza molto divertente. I test in Bahrain prima della gara di Formula 2 sono sicuramente utili, quindi non vedo l’ora di correre lì alla fine del mese”.

Mia Sharizman, direttore della Renault Sport Academy: “Essere in grado di condurre il test R.S.18 in Bahrain con tutta l’organizzazione aggiuntiva necessaria a causa della Covid-19, è una testimonianza del nostro impegno nei confronti dei piloti dell’Academy. E’ stato bello vedere Christian e Guanyu riuscire a completare i rispettivi programmi, che sono stati maggiormente orientati a prepararli per i restanti round di Formula 2 in Bahrain nel corso del mese. Per entrambi i piloti di poter fare più di 100 giri al giorno, mostra un passo avanti e una progressione verso l’alto rispetto al loro ultimo anno di F1 Test nell’R.S.17. Sono impressionato dall’approccio di Oscar per il suo primo giorno in F1. E’ riuscito a mettersi in moto abbastanza velocemente e a completare il suo piano di corsa. Già dal suo primo giorno in macchina si vede che è in grado di adattarsi facilmente a una nuova vettura, che è uno dei tratti più importanti che vorremmo vedere. Abbiamo avuto un buon feedback dai tecnici della F1 sulle prestazioni di tutti e tre i piloti e possiamo vedere che il livello è sempre più alto ogni anno, il che è un buon segno per le cose che verranno”.

Categorie