Box26.ch

Audi, la fantastica RS6 GTO

Audi RS6 GTO

Audi celebra i 40anni della “Quattro” con un concetto apparentemente strappato ai nostri sogni più sfrenati. Salutiamo la RS6 GTO.

Sì, la RS6 GTO è un regalo di compleanno per la Quattro, la RS6 GTO ha ovviamente una certa influenza e rende omaggio ai piloti della Trans-Am e dell’IMSA GTO di fine anni ’80 che sputavano fuoco.

Anche se ovviamente è basata sulla RS6 Avant, che noi adoriamo, molto è cambiata nel passaggio al GTO (Gran Turismo Omologato). L’influenza dell’IMSA va ben oltre lo schema della vernice bianca, grigia e rossa. Spogliata di tutto, si notano i tubi di scarico laterali e i giganteschi cerchioni bianchi brillanti. Uno splitter gorgogliante, un enorme diffusore, uno spoiler rosso brillante e le bocchette del cofano che ringhiano.

Audi RS6 GTO

All’interno, un’elaborato roll-bar bianco brillante riempie la scocca, ed i sedili Recaro hardcore con cinture a sei punti assicurano ergonomia e sicurezza per il guidatore/pilota. L’abitacolo è disadorno ed essenziale, i finestrini anteriori sono stati sostituiti con reti di sicurezza. Il cruscotto sembra essere rimasto invariato nel suo allestimento. Cosa farebbe Hans Joachim Stuck di quei comandi a sfioramento ? Non ne siamo così sicuri…

Per quanto riguarda il resto, cos’altro nasconde la RS6 GTO? Ci piacerebbe scoprire che sotto il cofano ci fosse una versione del ringhioso cinque cilindri Audi da 2,5 litri e mezzo, anche se è improbabile. Realisticamente e probabilmente c’è una buona quantità di RS6 “standard”, il che non è un male. Il V8 biturbo standard 4.0 litri da 4,0 litri che però non corrisponde esattamente all’originale 90 IMSA GTO da 720 Hp

Audi RS6 GTO

Sì, la RS6 GTO è un regalo di compleanno per la Quattro, la RS6 GTO ha ovviamente una certa influenza e rende omaggio ai piloti della Trans-Am e dell’IMSA GTO di fine anni ’80 che sputavano fuoco

Anche se ovviamente è basata sulla RS6 Avant, che noi adoriamo, molto è cambiata nel passaggio al GTO (Gran Turismo Omologato). L’influenza dell’IMSA va ben oltre lo schema della vernice bianca, grigia e rossa. Spogliata di tutto, si notano i tubi di scarico laterali e i giganteschi cerchioni bianchi brillanti. Uno splitter gorgogliante, un enorme diffusore, uno spoiler rosso brillante e le bocchette del cofano che ringhiano.

All’interno, un’elaborato roll-bar bianco brillante riempie la scocca, ed i sedili Recaro hardcore con cinture a sei punti assicurano ergonomia e sicurezza per il guidatore/pilota. L’abitacolo è disadorno ed essenziale, i finestrini anteriori sono stati sostituiti con reti di sicurezza. Il cruscotto sembra essere rimasto invariato nel suo allestimento. Cosa farebbe Hans Joachim Stuck di quei comandi a sfioramento ? Non ne siamo così sicuri…

Audi RS6 GTO

Perché non una moderna Quattro? Semplicemente perchè Audi l’ha già fatto in passato.
La RS6 GTO quindi, una vettura adatta, per dare merito al 40° anniversario della Audi Quattro e se volete per inseguire l’Alfa Romeo Giulia GTAm e la Jaguar XE SV Project-8 con una RS4 speciale di ispirazione IMSA

 

 

 

Categorie