Box26.ch
mclaren artura

McLaren Artura, la prima supercar V6 ibrida di Woking

Si chiamerà Artura, la nuova supercar ibrida di McLaren che andrà a sostituire la famiglia Sport Series. Per quest’auto ci sarà un inedito motore V6 biturbo al posto del V8 delle vetture precedenti ed il telaio in fibra di carbonio per contenere al massimo i pesi. Arriverà sul mercato a metà 2021 e sarà la prima di una serie di 17 modelli che la casa di Woking prevede di rilasciare entro il 2025.

La nuova ed attesa vettura di Woking ha finalmente un nome, McLaren Artura ed una sua connotazione all’interno dell’offerta del costruttore del Surrey. Ad annunciarlo è stato Mike Flewitt, amministratore delegato dell’azienda, che ha definito la vettura come la prima supercar ibrida del marchio inglese.

L’affermazione, che si presta a fraintendimenti, è stata subito seguita dalla precisazione, da parte dello stesso Flewitt. Secondo il top manager inglese infatti, la Hyper GT e la P1 sono da considerare hypercar, quindi appartenenti ad un segmento ancora superiore, che negli ultimi anni ha visto moltiplicarsi le proposte.

mclaren artura
mclaren artura

McLaren Artura: figlia della nuova piattaforma ibrida

La McLaren Artura sarà un deciso passo avanti nella elettrificazione della gamma di Woking, sfruttando la tecnologia della nuova piattaforma ibrida del costruttore britannico. Questa, secondo l’ultimo piano industriale presentato, darà vita a ben 17 nuovi modelli da qui al 2025, cosa che si traduce in 4 nuove vetture ogni anno.

Della nuova vettura Flewitt ha detto che è completamente nuova, ma attinge a piene mani dall’esperienza McLaren, a cominciare dal concetto di leggerezza che Woking ha sempre applicato per le sue vetture, sia da corsa che stradali. Il tutto combinato con il know-how in tema di elettrico che la casa inglese ha sviluppato di recente.

Al momento non esistono immagini di un esemplare definitivo, ma solo fotografie di prototipi pizzicati durante i test. Da quello che si intuisce al netto della mascheratura dei dettagli che normalmente viene fatta in questi casi, appare evidente l’eredità della GT-720S, sia nella parte anteriore che in quella posteriore.

mclaren artura
mclaren artura

McLaren Artura: motore

La vettura, che prenderà il posto delle appartenenti alla famiglia Sport Series (540C, 570S, 570GT, 600LT, e 620R) sarà una mossa da un V6 biturbo plug-in hybrid accreditato di una potenza non inferiore a 550-560 cavalli. Nelle intenzioni di McLaren c’è quindi quella di sostituire la attuale generazione di motori V8 con dei 6 cilindri  di nuova concezione.

La McLaren Artura, basata sulla MCLA (McLaren Carbon Lightweight Architecture), disporrà pertanto di un telaio in fibra di carbonio. Come il resto dell’auto, anche questo componente verrà realizzato presso il McLaren Composites Technology Center.

L’obiettivo è quello del contenimento del peso, un principio fondante nella tradizione delle auto sportive britanniche e caposaldo dell’operato di geni del motorismo del calibro di Colin Chapman. Per quanto riguarda la McLaren Artura, i tecnici di Woking mirano, con l’utilizzo di materiali hi-tech, a minimizzare l’impatto che il powertrain e la sua relativa infrastruttura impongono su una auto ibrida.

Data la tipologia di vettura, è lecito attendersi una capacità di spostamento in modalità elettrica solo nel corto raggio, una soluzione utile ai costruttori, da un lato per abbattere le emissioni inquinanti e dell’altro per ottenere potenza e coppia supplementari, che si sommano a quelle del motore termico.

La McLaren Artura andrà a fare concorrenza a nomi come Lamborghini Huracan (di cui, recentemente, è stata presentata la versione STO), Porsche 911 Turbo, Ferrari F8 Tributo. La casa di Woking prevede di far arrivare la sua nuova vettura sul mercato per la metà del 2021.

Gianluca Salina

Gianluca Salina

Categorie