Box26.ch
BMW R 18 Spirit of Passion

BMW R 18 Spirit of Passion: la maxi cruiser mette l’abito da sera

Il secondo capitolo della serie “SoulFuel” si chiama BMW R 18 Spirit of Passion. La cruiser della casa tedesca, arrivata sul mercato nella seconda metà del 2020, è nuovamente protagonista grazie ad un programma di collaborazione tra BMW Motorrad ed alcuni tra i più importanti customizer al mondo in ambito due ruote.

Dopo la R18 Dragster di Roland Sands e la Blechmann R18 di Bernhard Naumann, la casa dell’elica ha affidato un esemplare della sua maxi bicilindrica di 1802 cc alla Kingston Custom. L’azienda, guidata da Dirk Oehlerking, noto per le sue interpretazioni fuori dagli schemi, non ha tradito le attese.

La R18 però non è stata stravolta ma, anzi, determinate componenti sono state lasciate esattamente come BMW le ha realizzate. “La BMW R 18 è così perfetta che ho lasciato la tecnologia così com’è. Il telaio è originale al 100% ed è così sofisticato che niente dovrebbe essere cambiato” è stato il commento di Oehlerking ha chi gli ha chiesto di parlare della sua opera.

 

BMW R 18 Spirit of Passion: i dettagli

L’attenzione è senza dubbio catturata dalla carenatura. La carrozzeria è rifinita a mano, così come il manubrio e il parafango. Lo scarico della BMW R 18 è stato modificato da Oehlerking nel classico stile Kingston Roadster, mentre la sella è stata ricavata dalla gamma di accessori universali. Gli indicatori di direzione sono stati sostituiti con componentistica Kellermann e il faro anteriore, a LED, è ora integrato nella carenatura.

Quest’ultima presenta un importante richiamo, riguardante il frontale, ad altre creazioni, come ad esempio alla K75 Alpha Bullet del designer Turco Mehmet Doruk Erdemad esempio. Anche in questo caso è evidente la simbiosi tra l’attuale tecnologia rappresentata dai materiali e le linee volutamente retrò. In ultimo, ma non meno importante, la BMW R 18 Spirit of Passion presenta una griglia anteriore molto estesa, recente dettame seguito dalla casa dell’elica nell’ambito delle quattro ruote, con l’ultima versione delle sue M3 ed M4.

La verniciatura e le linee originali sono state adottate per la carenatura e l’ala, con l’aggiunta di alcuni dettagli in stile Kingston. Anche le sospensioni e il serbatoio del carburante sono originali. Il design della moto, nel suo complesso, si ispira allo stile classico Art Déco, senza però tradire le origini di una moto che sembra stata concepita per la customizzazione.

La grossa cruiser di BMW rappresenta anche un elemento di continuità, per la casa dell’elica, non tanto nei confronti del modello che l’ha preceduta, la R1200C, quanto a modelli del profondo passato del brand di Monaco, come R 5, focalizzandosi sugli elementi essenziali della moto: la tecnologia senza fronzoli con al centro di tutto, il grosso motore boxer.

BMW R 18 Spirit of Passion: il suo ideatore

Dirk Oehlerking è motociclista, designer e artigiano allo stesso tempo. Tre anime fuse insieme da una passione per le due ruote che in quest’uomo arde come un fuoco sacro da oltre 35 anni. Per Oehlerking la progettazione è una visione mentale che ha inizio nella sua mente, molto prima di una qualsiasi attività manuale.

Ci penso molto prima. Le mie moto trasmettono sempre anima, fascino e carattere. Sono esemplari eccezionali, quindi richiedono grande cura e attenzione. Ho un flusso costante di immagini che mi passa per la mente quando si tratta di decidere su quale stile concentrarmi. Una volta fatta questa scelta, inizio da uno schizzo realizzato con matita e Tipp-Ex. Poi continuo ad andare avanti finché non sento nel mio cuore: ecco, ci siamo!

Originario di Hannover, ha alle spalle precedenti esperienze di customizzazione di veicoli BMW. 17 delle creazioni del marchio sono sue, tra cui la “Black Phantom” e la gemella “White Phantom”. La BMW R 18 Spirit of Passion ha però rappresentato un qualcosa di inedito, per lui, che ha commentato così: “Questo progetto è probabilmente il più impressionante di tutta la mia carriera. Significa molto per me, se non tutto in questo momento. La fiducia che BMW Motorrad ha riposto in me ancora una volta è estremamente importante. Sono molto grato per questo“.

Gianluca Salina

Gianluca Salina

Categorie