Box26.ch

Porsche Cayenne: nel 2022 si rifarà il trucco

Probabilmente nessuna auto, come la Porsche Cayenne, identifica il successo dei SUV e la conseguente creazione di un mercato che, dalla nicchia, è passato ad avere un suo definito ed importante spazio. Nata nel 2003, rappresenta oggi il modello di maggiore traino per la casa di Zuffenhusen, al punto che a dicembre del 2020 si è festeggiato la produzione del milionesimo esemplare.

Decisamente un curriculum di tutto rispetto, ma d’altra parte non poteva essere altrimenti, per l’auto nata dal team di ingegneri che avevano precedentemente realizzato la 9R3 o LMP 2000. Si tratta del prototipo della vettura da corsa dal cui motore era poi stata ricavata l’unità di un’altra icona della casa tedesca, la Carrera GT (Porsche Carrera GT, i suoi primi 20 anni).

Porsche Cayenne: sarà il terzo restyling

Ogni serie della Porsche Cayenne è sempre stata oggetto di un restyling a metà del suo ciclo di vita, prima che Porsche  lanciasse il nuovo modello. E’ avvenuto nel 2007 per la versione originale e nel 2014 per la seconda serie. Il prossimo anno toccherà dunque alla terza, arrivata in commercio nel 2017 e da allora rimasta invariata, almeno per quanto riguarda l’estetica.

Sarà proprio in quel comparto, ovviamente oltre al motore, che si concentreranno i maggiori cambiamenti. La Porsche Cayenne my2022 varierà nella calandra e nella parte posteriore, come dimostra l’esemplare pizzicato in fase di test dai colleghi di Carscoops e mascherato in vari punti della carrozzeria per sviare eventuali sguardi indiscreti.

Porsche Cayenne: arriverà nel 2022

Sebbene il relativamente ridotto camuffamento sembrerebbe suggerire che la vettura si trovi già oggi in una fase avanzata del suo sviluppo, la presenza a bordo di almeno due manichini ed il marker di rotolamento sui cerchi che viene utilizzato nel corso dei crash test, indicano che il lavoro degli ingegneri di Zuffenhausen su questo modello non è ancora finito.

Sul fronte delle modifiche che verranno apportate è lecito pensare che si interverrà sui fari, sui paraurti, sul posizionamento della targa posteriore e sulla mascherina anteriore, ma in ogni caso non si tratterà di una rivoluzione, per il SUV che condivide la piattaforma MLB Evo con gli altri pari grado del gruppo Volkswagen (Audi Q8, Bentley Bentayga e Lamborghini Urus).

Le novità comunque non si fermeranno al solo esterno della vettura. La Porsche Cayenne my2022 vedrà cambiare sicuramente più di qualcosa anche all’interno dell’abitacolo e, parte per coerenza con il restyling e parte per sfruttare le economie di scala, potrebbe disporre di una nuova console centrale e della leva del cambio della 911 (992).

Sul fronte meccanico le novità arriveranno, con ogni probabilità, sulla scorta di quanto introdotto sull’ultima serie della Panamera, da cui il nuovo SUV della casa tedesca dovrebbe pesantemente attingere a livello di motorizzazioni. Il restyling della Cayenne potrebbe essere presentato in anteprima ai prossimi saloni (a questo punto virtuali), per arrivare sul mercato nel 2022.

Credit immagini: Carscoop

Exit mobile version